Il silenzio onesto delle cose – la silloge

La poesia di Antonella Taravella è per me, sua Editrice, una perla che non può mancare al catalogo di Carteggi Letterari. Noi editori siamo quotidianamente destinati a schivare messaggi e telefonate di aspiranti autori, sì come gli uccelli i sassolini: con Antonella è l’esatto contrario; come una stalker acquattata dietro l’angolo, osservo la sua produzione poetica per accaparrarmi la sua ultima silloge. E così, per la seconda volta in poco più di un anno, ecco un suo nuovo lavoro! per me una gioia. Non dovessi vendere nemmeno una copia, me le terrei tutte per me, come un collezionista psicotico di ossa. In generale amo tutti i “miei poeti”, in pratica non faccio mistero delle mie debolezze, del mio gusto personale per ciò che la poesia mi dà, e quando riesco ad avere in catalogo, Francesco Tomada, Francesco Marotta e Antonella Taravella raggiungo l’apice della goduria. Certo! sono autori diversissimi tra loro, scritture sinfoniche e oniriche quelle di Francesco Marotta, realtà raccontata con lo stupore e la “semplicità” [quanto rara e difficile è la semplicità!] di un bambino quelle di Francesco Tomada, lame affilate che penetrano la carne quelle di Antonella Taravella. Come farne a meno?

Leggere i versi scarni, essenziali di Antonella è come vedermi nel riflesso di uno specchio; capire il suo dolore, le sue assenze è osservare me stessa e leggermi dentro. Leggere Il silenzio onesto delle cose è cogliere le voci nascoste nelle cose, negli oggetti, sulla pelle. Un frastuono assordante di sensazioni urlate in silenzio, nell’apparente staticità “di ciò che non ci appartiene” più, semmai ci fossero appartenute.

É chiaro che io sia estremamente innamorata della sua parola, chiedo venia, ma vi consiglio di leggerla con attenzione e partecipazione, perché la scrittura di Antonella comunica, dice, disegna, graffia.

natàlia castaldi

Libro acquistabile da me o tramite il sito qui

Alcune piesie presenti nel libro:

Presentazione de “La pietà del bianco” edita Carteggi Letterari – Le Edizioni

Domani parto per le mie meritate ferie.
E torno nella terra delle mie origini.
Tornerò anche nella casa che ha dato i natali a mia madre e che quando ero piccoletta mi accoglieva con nonna sulla porta.
Come la neve. Come questo bianco che non mi lascerà mai.

Amici di Messina e dintorni…se volete venire ad ascoltare. e comprare la nuova edizione de La pietà del bianco mi troverete qui:

Sabato 29 ottobre

dalle ore 18:30 alle ore 21:30

La Feltrinelli Point Messina

Via Ghibellina, 32, 98122 Messina

Dove, Le Edizioni Carteggi letterari introdurranno il loro catalogo ancor più ricco di novità; dopo una breve parentesi sul “bisogno di arte e cultura per riavviare il motore economico e sociale del nostro paese”, l’editrice introdurrà il libro La pietà del bianco e leggerà con l’autrice alcuni brani editi e inediti, duettando come vecchie amiche sul piacere di “farsi poesia”.

14581381_10210693926214269_5866394696039190394_n

La pietà del bianco – Carteggi Letterari Le Edizioni

Quando mesi fa Natalìa Castaldi mi chiamò per propormi la ri-pubblicazione de La pietà del bianco rimasi immensamente colpita, felice, commossa ed onorata.
Ora è carta. Con alcuni testi inediti.
Fanno da superbo contorno le parole di Laura Liberale, quelle di Natalìa Castaldi e non ultimi i disegni di Francesco Balsamo.

Qui il link per acquistarlo:

http://www.carteggiletterari.it/shop/categoria-1/antonella-taravella-la-pieta-del-bianco/