Cerca

Come un sipario che muore oltre la lingua

Tag

Marisa Maestre

il silenzio onesto delle cose [13]

ora che le mani corrono sulla pelle andata del viso
si contorce il legno dei muri
e vagheggia come un supplizio
l’estrema marea che il sangue canticchia

poi
terribile
la fame bambina
passeggia nel pieno possesso
della terra
che sopporta il peso
delle nuvole

ph Marisa Maestre
Annunci

ordine delle cose [40]

se raccontassi del nero – partirei dalle fauci
dalle mani aggrappate alle pareti
una larghezza lunare che luccica come i silenzi

dentro ogni voce – che parla a ritroso
ci vedo una cura

sgattaiolare oltre la siepe
nei piedi sospesi così pieni di ruggine
da stonare nella notte

e parlare del suono dei vermi – di quello che a memoria
strisciano sul ventre

Marisa Maestre
Marisa Maestre

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑