nel lungo dondolare della parola [15]

ho pupille da sfamare a gioie,
un bianco scosceso
sfrecciato di rosso
-il corpo-scure
è nella sua semplicità
avvelenato alla radice
e piange ogni cosa
sulla soglia ghiacciata
mentre non mi capacito
la nuca
nel ripetermi ancora
una epifania al corpo
come un seme

Pubblicità