l’estetica del dolore [31]

ho sperimentato questo niente caldo

il brillare forte della casa,

mentre gli occhi hanno segreti

così pieni di fiamme

da bruciare, l’inutilità di ogni bene

Annunci

Il silenzio onesto delle cose – la silloge

La poesia di Antonella Taravella è per me, sua Editrice, una perla che non può mancare al catalogo di Carteggi Letterari. Noi editori siamo quotidianamente destinati a schivare messaggi e telefonate di aspiranti autori, sì come gli uccelli i sassolini: con Antonella è l’esatto contrario; come una stalker acquattata dietro l’angolo, osservo la sua produzione poetica per accaparrarmi la sua ultima silloge. E così, per la seconda volta in poco più di un anno, ecco un suo nuovo lavoro! per me una gioia. Non dovessi vendere nemmeno una copia, me le terrei tutte per me, come un collezionista psicotico di ossa. In generale amo tutti i “miei poeti”, in pratica non faccio mistero delle mie debolezze, del mio gusto personale per ciò che la poesia mi dà, e quando riesco ad avere in catalogo, Francesco Tomada, Francesco Marotta e Antonella Taravella raggiungo l’apice della goduria. Certo! sono autori diversissimi tra loro, scritture sinfoniche e oniriche quelle di Francesco Marotta, realtà raccontata con lo stupore e la “semplicità” [quanto rara e difficile è la semplicità!] di un bambino quelle di Francesco Tomada, lame affilate che penetrano la carne quelle di Antonella Taravella. Come farne a meno?

Leggere i versi scarni, essenziali di Antonella è come vedermi nel riflesso di uno specchio; capire il suo dolore, le sue assenze è osservare me stessa e leggermi dentro. Leggere Il silenzio onesto delle cose è cogliere le voci nascoste nelle cose, negli oggetti, sulla pelle. Un frastuono assordante di sensazioni urlate in silenzio, nell’apparente staticità “di ciò che non ci appartiene” più, semmai ci fossero appartenute.

É chiaro che io sia estremamente innamorata della sua parola, chiedo venia, ma vi consiglio di leggerla con attenzione e partecipazione, perché la scrittura di Antonella comunica, dice, disegna, graffia.

natàlia castaldi

Libro acquistabile da me o tramite il sito qui

Alcune piesie presenti nel libro: