e tutti esistono nonostante tutto (cit. Raboni) [1]

mi sento come una vena
che non conosce corpo
mentre l’aria si prende cura
delle mie parole
e tenera si strofina
sulla lingua
finendo
sulle perle di un rosario
pronunciato con dolore
mentre la nebbia
cresce alle mie spalle

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...