racconti dal cielo [parentesi neutrali di tempeste] [10]

passano le notti e le accumulo dentro la pelle – così atomica da implodermi fra le parole
carta da scrivere è il mio corpo neutrale – ero nel buio asfittico della condoglianza
rinasco fra le mani acerbe del giorno quando luglio mi dondolava in bocca nudo
e sono mesi che ho giorni celesti e giorni così neri da sporcarmi anche la pagina bianca
della memoria

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...