divento sola, come un cielo appeso alle mani
campanellini sbriciolati nel disordine delle parole
e poi la luce, che affonda nel destino
in questi insanabili occhi
che piangono polvere
esiliata

Annunci