nel lungo dondolare della parola [2]

e poi farsi colpa con lo sguardo,

impazzendo per il disordine della stagione

che brucia come un inferno

mentre mi strappo di dosso

il cicaleggio delle cicale

che come chiodi mi ricordano

chi è andato senza tornare

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...