l’infinita stanchezza delle parole, così cigolanti all’interno della testa – mi fanno dimenticare il tempo del sole – questo continuo beccare dentro i bianchi, che galleggiano oltre la finestra nera e fare della bellezza qualcosa di così sfuggente che le mani bruciano come trafitte dal fuoco, mentre l’azzurro approda sulla mia schiena nuda

incrociata

Annunci