ordine delle cose [44]

una pergamena la voce – cortecce di cucciolo
a ricamarsi fobie come il grano al sole
e il verde spigliato delle forche meccaniche
raccontano agli occhi un certo coraggio trafitto
tutta chinata come una foglia – ancora
sbilanciata la pace offerta in palmo di mano
dondolo una lingua che non è la mia
affilata come una forbice tenuta stretta
dal dovere di darti una libertà
tu madre ed ape – perfettamente affissa sui
reni lasciati a soffrire un sogno

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...