espiare alla conta della polvere [38]

Scoprirsi dopo le porte di certi armadi-muro a muro
appoggiati come tazze sui tavoli
di quel legno maturato a forza di lacrime amare
la stesura del pane fra le ciglia
della parola come un chicco d’uva nelle mani
da schiacciare per il vino
ricordo la polvere dei passi
e il languire scarno
delle finestre ad ovest
-io non ho compleanni da festeggiare
se non la neve che ancora
non va via dai ricordi-

nora

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...