vengo meno alla mia stessa parola

restandomi appesa come una fune di ricordi

(dondolo la lingua – in questo spazio incolore)

e stringo forte i denti

nel partecipare al sole che sbuca da questo inverno dei sensi

whiblu

Annunci