Nella solitudine cresce la bestia interiore.

F. Nietzsche

Vive da ieri notte dietro al mio occhio sinistro, come un cimelio che mi maledice – mi spreme forte fuori ogni cosa bella e cammina piegandomi sotto il suo peso millimetrico.
Segno sulle carni ogni curiosità che resta ferma sulle parole annerite pasticciate ovunque io posi il capo la notte – ripetere la chimera degli uguali nel sonoro scambio di finissimo scarnificarsi le labbra, tutte morse perse di sangue ricucito a suon di chiacchiere.
Attraverso il passo che mi porta nel bosco, m’incanto come un palo della luce a chinare la testa nei diametri lucidi delle lacrime a penzoloni nella memoria.
Nel buio a specchio della febbre e della mi croce di ossa spente dalle cerniere raccolte sotto il mento bagnato di sale.
Il tempo si ferma sul polso come essere in piedi nel bene e nel male sullo scorticarsi dei legni nei riquadri pregati alla luna.

Masao Yamamoto
Masao Yamamoto
Annunci