espiare alla conta della polvere [34]

appendersi nei blu contorti come un fradicio rosso
disegnare limiti nelle condutture ossee
un sempre precipitato nei silenzi –
una bocca che non stona nelle pietre

terribile l’amore nella sua tiepida zuppa
e dentro singhiozzi ripidi
si affina la pancia ad un bimbo inviperito

evidenziare la calma buona di quattro mura domestiche
affisse – arcuate come una schiena in dono
e la fiammella martella le tempie e la mano a spingersi
dentro le fenditure schiantate dai terreni
piacevolmente distratti – piangono i chiavistelli
tamburellare la voce nella nicchia sporca
delle mani assieme preoccupandosi
dell’angolo senza un becco di parole
sussurrandole appena le voglie
– una cerniera di cose taciute

suntmare

Annunci

3 pensieri su “espiare alla conta della polvere [34]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...