come stupidi diamoci in pasto
rallegriamoci per una quota
che ruberanno alla prossima bolletta
ritardiamo una morte tutt’altro che apparente
questo spingerci all’odio dentro le nostre case
ci piace l’aria che ci danno
quando in realtà ci appartiene
noi miseri nella spaccatura alla bocca
nelle voragine della terra
una carezza e ci mandano a casa
con un semplice domani sistemeremo
quanto ci piace saltellare su zolle d’amianto
e beviamone tutti di quest’acqua inquinata
come tacche scrolliamo i nostri disgusti
e ci copriamo la notte con le stesse macerie
dell’inverno
e mi raccomando, continuate a sprizzare gioia
sorridete che il male non ha fine

redflag

Annunci