come dare piacere al mio pensiero [2]

senza le perturbazioni si anneriscono gli schianti
e avvolgo in carta oleata l’innumerevole distanza
-questo tossico arrangiarmi le vesti
appesa al filo che scuce correndo contro le nubi amaranto

a formare le mano a conca
il rapido evadere dalle ciglia
che smuove l’inverno – verso
un periodo d’isteria

ho pianto ogni volta che la voce ricordava il passo
ho sorriso sputando sui narcisi, a pelo del mare
ricordando-mi lo sbattere feroce delle vele salate
mentre da lontano tutto torna come una nuvola di ruggini

ph Salvatore Zafarana

di ph Salvatore Zafarana

on air: God is an Astronaut – Worlds in Collision

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...