ti penso su questo lato di corpo alla deriva,
aspetto che lo spiraglio sbirci poco a poco la pelle
il sapore è come sale che scorre sull’arco di derma
che tu scopri, rendendomi debole
ad ogni mio spasimo
e il guinzaglio alla lingua si strappa
nel silenzio di una vertigine

lambita

Annunci