GiocandoMi

fuochi o fuochi
perenni forconi
attesi dalle fiere
all’angolo – giro
di un fustigarsi le corde
v o c a l i
per non essere altro
che il fumo di un passaggio
lento che si fa nullo all’ostia
e resta il rimirarsi
ad uno specchio tondo
sbeccato dai fusi
che il punteruolo
ricama di bocca in bocca
rianimato stemperando
colori fasulli
fatti e fratti
frattaglie e scempiaggini
e il ballo canzonato
che scivola alle vesti
nudo nei nodi
che lascio nel ghigno
che scrolla di gola in gola
la voce dipinta
si maschera di maschere
e piange versando versi
nella nullità che appartiene
una congrega d’alberi secchi
che si fanno belli nel balletto
dei rami che nascondono merda
dipinta per humus
di voci

[©at ’12]

Annunci

8 pensieri su “GiocandoMi

    1. morfea Autore articolo

      è un gioco di parole post incazzatura webbica, perchè di merde al mondo nascoste dietro lo schermo se ne trovano a pacchi;)

  1. TADS

    non è che nella vita reale le merde scarseggino,
    fossi arrivato prima della tua risposta a Marcoforever,
    ti avrei chiesto proprio se il destinatario dei versi
    fosse qualche laido internettiano.
    Comunque complimenti, con la mannaia ci sai fare.

    TADS

I commenti sono chiusi.