io sono una fiamma appesa socchiusa
voce di forma riflessa
una strana didascalia da leggere
nell’acqua chinata da un addio
vorrei distinguere la calma da ogni fumo di vento
e farmi geometricamente liquida
assioma inviolabile anche dalla cenere

io che ti sono vicina in questa selva di braccia in avanzo
nel cronico difetto che spinge la bocca a non dire
quanto peccare per aderirti con le carni e supplicare
ogni fossa di notte incupita nei fianchi
tremare camminandomi addosso in un pianto
di sangue e sorda monotonia dei pensieri

[inedito2012]©A.Taravella

Thomas Feiner & Anywhen – Mesmerene

photos by shamanski

Annunci