19.07.1992/19.07.2012

 

surarunu i testi di chisti sei cristianeddi
s’ammuttarunu u suli supra i vrazzi
pirtusi d’ombra sciancata
quannu u sangu si pirdìu
rintra i palazzi di via d’amelio
chiancinu li vuci incudduniate
chianci u ventu nivuru
chianci a bedda terra
ca s’a ricorda sempri unni sunnu
i figghi sò

PER NON DIMENTICARE.

[un grazie a Daìta Martinez per l’aiuto tecnico, i ricordi di quando mamma mi parlava siciliano ed io cercavo di ripetere con lei, anche se lei voleva che parlassi Italiano per non subire il razzismo per il dialetto]

Annunci

4 pensieri su “19.07.1992/19.07.2012

  1. chetelodicoaffare

    il siciliano è una lingua stupenda una musica piena di u. e in quelle u ti culla. come un mare. ciao morfybaby. ben ritrovata. (ti lasciai su un risotto mantecantesi su un fornello milanese). un baciuz.

I commenti sono chiusi.