.19.

è impensabile che si ripeta il tuo odore
nelle foglie – attraverso il vento – che tace
ti ho supplicato una parola
ed ora sul vetro
c’è l’impronta di un addio
ancora – una volta –
ho raccontato fiabe.

[inedito 2012]©A. Taravella

65daysofstatic – A Failsafe

photos by web

Annunci

15 pensieri su “.19.

  1. L'uva, e l'ozio

    Ahia. Che male quelle fiabe.

    (65dos belli, sì sì. Cerca Saivo dei Tenhi, credo lo amerai)

  2. M.M.

    una eclisse,
    la piccola che luna che oscura il grande sole…
    una metafora sofista capace di generare dubbi e modificare interpretazioni,
    un punto di vista che rende credibili, veritiere, le fiabe.

    M.M.

  3. Brillo

    minchia come puzzo
    lo sapevo che dare di gomito
    per quel finestino argenteo
    era troppo per me
    ora le ascelle intrise di umore
    simischiano con perle di sangue
    ed io vivo
    speriamo che non facciano il DNA
    [impressioni sul 19]

I commenti sono chiusi.