.distante.

fa solo male quest’aria piena di denti
una lacerazione che parte dal punto più basso del ventre
e si rimescola, piano, al grumo di pensieri che manchi
e la tua voce, superba, passa leggera sulla nuca, fin dentro le ossa
frastagliato, dissemini un urlo, quando mi stringi
come a proteggermi dal giorno che invade i capelli
mescolati alle tue labbra, appese a un senso
che mi svende l’anima e m’apre le cosce, calde.

[inedito 2011]©Antonella Taravella

photos by Francesca Woodman

Annunci

13 pensieri su “.distante.

  1. Tiziana Tius

    Hai la capacità di creare “vibrazione” con i tuoi versi che non scivolano ma arpionano, e questa trovo che sia la potenza della tua poesia.
    Bella, bella!
    Ciao Tiziana

  2. Mary Simonetti

    riesci sempre a fondere anima e carne come se fossero una cosa sola. mi piace moltissimo quest’insieme tuo di versi, ed emozioni, e fluidi che si possono palpare con le dita. bella, grazie.

  3. Luca Ormelli

    Il connubio con la Woodman è perfetto. Sei, si licet, una Sarah Kane del verso. Un saluto, Luca.
    PS: ringrazio Tiziana Tius che mi è stata Beatrice (o Virgilio?)

  4. luca ormelli

    PS2: anni fa scrissi qualche verso che mi pare possano consonare:
    Le cosce
    intrise di dentro
    ho dormito
    e la notte
    ha sorriso
    tra fuochi
    di stelle.

    Vale, Luca

I commenti sono chiusi.