ho cavi ritorti a corrermi fra i seni, sapore di rame, quando cerco con la lingua la mia voce

ruvida la nocca scorre sulla tua guancia in un sorriso malato

_ed esce, graffiante, sull’interno morbido della tua bocca, assoluta, invariabile

un gesto di stizza fra i capelli, come una treccia di corda

_

tutto questo tremore, resuscita, s’infila nei denti, come fumo

_ti ricordi ancora il mio pianto da sbocciata

assoluzione, questa pare la mia parola dilatata

e siamo così, come un granello, ancora

_

mi sento come un suolo calpestato, certi giorni atomici, mielano e spiegazzano

l’inverno ormai è quasi una striscia di cappotto, liso e la mia voce è una mano

calda sulla tua schiena schiusa sulla mie labbra.

[inedito 2011]© Antonella Taravella

Annunci